DOCUMENTO BOZZA PROPRIETA' INDUSTRIALE

Ettore box a STARNET.IT
Lun 5 Gen 2004 13:18:26 CET


Solo per confermarti (qualora ce ne fosse bisogno) la nostra totale
adesione all'iniziativa e per encomiare il tuo ottimo lavoro
ma anche per ricordarti che il nome della nostra associazione è newglobal.it
abbiamo messo anche nel nome il .it per testimoniare il radicamento con
Internet :-) e per fare gli sborooooni :-)))) come dite voi nordici

e poi ho apprezzato molto la tua citazione

-----------
“[…] I conflitti sulla proprietà intellettuale negli ultimi anni hanno
raggiunto inedita intensità, mettendo in discussione il significato stesso
di parole come liberalismo e protezionismo. A un'analisi più attenta
appare evidente come molti di quei danni derivino, al contrario, da
politiche neoprotezioniste che tutelano gli interessi dei monopoli
attraverso leggi sempre più rigide in tema di brevetti e copyright. […]”
(Tratto da “Not economy. Economia digitale e paradossi della proprietà
intellettuale” di Carlo Formenti; dati: XIII-201 p., br.; anno 2003;
Editore Etas, Collana Fondazione Corriere della Sera).
-------------

a questo punto ti chiedo di iscriverti all'associazione :-)))


ciao


> To:
>
> ITA-PE a nic.it
> cc a 2talk.it
>
> Prego chi di dovere di postare il documento anche nelle seguenti liste:
>
> NEWGLOBAL
> ISOC ITALIA
> AIIP
>
> ----
>
> Salve a tutti,
>
> Come concordato, invio il documento di commento alla bozza di codice dei
> diritti di
> proprieta' industriale, redatto a partire dalle posizioni comuni che sono
> emerse dai
> contributi di tutti noi.
>
> Esso puo' essere scaricato alla url:
> www.ictlaw.net/upload/codicePI.zip
>
> Ricordo che appoggiano l'iniziativa: ITA-PE, lista MNTtoMNT (cc a 2talk.it),
> NEWGLOBAL, AIIP (email di Joy Marino da me ricevuta il 29/12/03), ISOC
> ITALIA
> (come da email postate in lista ITA-PE da Chiari e Bertola).
>
> Prego i relativi rappresentanti di smentire, nel caso io abbia male
> interpretato le
> intenzioni reali delle associazioni chiamate in causa.
>
> Quanto ad ASSOPROVIDER, prego GB Frontera di confermarmi l'eventuale
> sottoscrizione del documento anche da parte di detta associazione (che,
> nel dubbio,
> non e' stata inserita).
>
> Il documento e' stato redatto a partire dai **punti in comune** dei pareri
> espressi. Quindi
> le pochissime "voci fuori dal coro" non hanno potuto trovarvi collocazione
> (mi riferisco
> per es. a Picchio, che propone di ribaltare il problema considerando tutti
> i domini
> marchi).
>
> Ho cercato poi di trovare un punto di equilibrio tra le posizioni
> contrastanti di coloro che
> sono favorevoli a un intervento dello Stato (esempio 'Tonino' e Luca
> Sambucci) e coloro
> che non lo sono (per es. Marco D'Itri). Ho trovato questo equilibrio nella
> posizione
> espressa da Mario Pisapia (posizione per la verita' condivisa anche da
> altri, come
> Claudio Allocchio e Clemente).
> In sintensi, si ritiene che la Commissione debba essere si'
> rappresentativa della LIC
> (sul punto sono stati riportati anche i commenti di Bertola e Trumpy);
> tuttavia, si ritiene anche che, qualunque ente assuma il compito di
> governare
> la rete in Italia, non possa prescindere
> da un riconoscimento dello Stato o, metaforicamente, da 'quella mano sulla
> spalla'.
>
> Nel documento sono state recepite anche le osservazioni di Stefano Trumpy
> (giratemi
> da Giunchi - Trumpy in cc - il 17/12/03).
>
> Aspetto rettifiche e osservazioni, se ce ne sono.
>
> PROSSIMI STEP:
>
> 1) Prego Andrea Monti e Ignazio Guerrieri di revisionare l'intero
> documento, di integrarlo
> con valutazioni di natura giuridica e di ripostarlo nelle liste (per
> eventuali osservazioni).
> Ce la fate entro il 7 gennaio?
>
> 2) Una volta che il documento potra' considerarsi definitivo, si
> procedera' alla richiesta
> di audizione al Ministero delle Attivita' produttive.
>
> Ciao.
> Alessia Ambrosini
>



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe