DOCUMENTO BOZZA PROPRIETA' INDUSTRIALE

Mario chiari.hm a FLASHNET.IT
Lun 5 Gen 2004 16:04:10 CET


Alessia,

- isoc.it ha bisogno di un passaggio formale in Consiglio. Quale è la tua
deadline?

- condivido proposte di correzioni di Vittorio e di Giorgio;

- personalmente, inserirei una descrizione della NA più neutra rispetto a
recenti polemiche (sia in quello che condiviso che in quello che non
condivido di quello che scrivi :-)

- inserirei un commento all'ammissione del relatore  che il TRIP non
considera i nomi a dominio come segni distintivi. Questo è certo il tallone
di Achille della pretesa di questo codice, e va evidenziato con forza.
L'osservazione che la proposta di codice compie una forzatura anche
rispetto a posizioni già piuttosto sbilanciate in un certo senso potrebbe
essere un argomento a cui molti potrebbero essere sensibili.

- grazie del lavoro svolto

a presto
mario



At 22.54 04/01/04, ambrosini a andreamonti.net wrote:
>To:
>
>ITA-PE a nic.it
>cc a 2talk.it
>
>Prego chi di dovere di postare il documento anche nelle seguenti liste:
>
>NEWGLOBAL
>ISOC ITALIA
>AIIP
>
>----
>
>Salve a tutti,
>
>Come concordato, invio il documento di commento alla bozza di codice dei
>diritti di
>proprieta' industriale, redatto a partire dalle posizioni comuni che sono
>emerse dai
>contributi di tutti noi.
>
>Esso puo' essere scaricato alla url:
>www.ictlaw.net/upload/codicePI.zip
>
>Ricordo che appoggiano l'iniziativa: ITA-PE, lista MNTtoMNT (cc a 2talk.it),
>NEWGLOBAL, AIIP (email di Joy Marino da me ricevuta il 29/12/03), ISOC ITALIA
>(come da email postate in lista ITA-PE da Chiari e Bertola).
>
>Prego i relativi rappresentanti di smentire, nel caso io abbia male
>interpretato le
>intenzioni reali delle associazioni chiamate in causa.
>
>Quanto ad ASSOPROVIDER, prego GB Frontera di confermarmi l'eventuale
>sottoscrizione del documento anche da parte di detta associazione (che,
>nel dubbio,
>non e' stata inserita).
>
>Il documento e' stato redatto a partire dai **punti in comune** dei pareri
>espressi. Quindi
>le pochissime "voci fuori dal coro" non hanno potuto trovarvi collocazione
>(mi riferisco
>per es. a Picchio, che propone di ribaltare il problema considerando tutti
>i domini
>marchi).
>
>Ho cercato poi di trovare un punto di equilibrio tra le posizioni
>contrastanti di coloro che
>sono favorevoli a un intervento dello Stato (esempio 'Tonino' e Luca
>Sambucci) e coloro
>che non lo sono (per es. Marco D'Itri). Ho trovato questo equilibrio nella
>posizione
>espressa da Mario Pisapia (posizione per la verita' condivisa anche da
>altri, come
>Claudio Allocchio e Clemente).
>In sintensi, si ritiene che la Commissione debba essere si'
>rappresentativa della LIC
>(sul punto sono stati riportati anche i commenti di Bertola e Trumpy);
>tuttavia, si ritiene anche che, qualunque ente assuma il compito di governare
>la rete in Italia, non possa prescindere
>da un riconoscimento dello Stato o, metaforicamente, da 'quella mano sulla
>spalla'.
>
>Nel documento sono state recepite anche le osservazioni di Stefano Trumpy
>(giratemi
>da Giunchi - Trumpy in cc - il 17/12/03).
>
>Aspetto rettifiche e osservazioni, se ce ne sono.
>
>PROSSIMI STEP:
>
>1) Prego Andrea Monti e Ignazio Guerrieri di revisionare l'intero
>documento, di integrarlo
>con valutazioni di natura giuridica e di ripostarlo nelle liste (per
>eventuali osservazioni).
>Ce la fate entro il 7 gennaio?
>
>2) Una volta che il documento potra' considerarsi definitivo, si
>procedera' alla richiesta
>di audizione al Ministero delle Attivita' produttive.
>
>Ciao.
>Alessia Ambrosini



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe