La nuova bozza esiste

avv. gianluca navarrini avv.navarrini a TIN.IT
Gio 22 Gen 2004 12:52:11 CET


Andrea Monti wrote:
> Il giorno 22/gen/04, alle 10:05, avv. gianluca navarrini ha scritto:
>
>>
>> Figurati se mi metto a "sfiammare" con te ;-).
>> Ho esposto il mio pensiero. Non mi farò certo "ardere" vivo per la
>> NA. Mi spiace che ci sia un attendismo che, francamente, non capisco.
>>
>
> L'attendismo e' giustificato e la notizia di GB ha appena trovato
> conferma.
> Ho appena visto la parte relativa ai nomi dominio che 'e stata
> significativamente modificata.  Non appena in possesso dell'intero
> codice sara' discuterne con maggior cognizione di causa e diffonderlo
> in lista.

Questo è un fatto nuovo. Ora si può ragionare di qualcosa che qualcuno ha
visto.


> se vuoi ne parliamo in privato. Credo che aspetti tecnici del genere
> siano un po' fuori dalla lista.  Mi limito a dire che il processo di
> erosione dei diritti individuali a vantaggio della proprieta'
> intellettuale e' iniziato da tempo e in particolare con le direttive
> sul diritto d'autore, dove la PI viene "elevata" a limite della
> legalita' di un comportamento.  Con tutte le conseguenze del caso.

Eravamo già in privato. ;-)
Non avrei mai usato il "senti un po':" in una discussione pubblica. Nè avrei
mai detto che noi due non siamo pari a Kelsen.
:-)
Ora siamo in pubblico... direi di finirla qui.


> Idem c.s., se vuoi, ne parliamo in privato.

Scrivimi tu e spiegami cosa intendi, chè io non ho capito.


> Non vorrei riaprire il tema, specie perche' ragionare sui "se" ci
> consentirebbe di giungere a qualsiasi conclusione.

Ogni discorso relativo alla discussione di un ddl si basa, a mio giudizio,
sui "se" e sui "ma"...
Il discorso politico non ha natura scientifica ma retorica... non
dimostrativa, ma persuasiva...


>
> Mai, nemmeno durante i miei corsi, ho utilizzato il principio di
> autorita', figurati se comincio adesso:))

Non avevo dubbi! :-)


>>> Nemmeno noi siamo d'accordo su cosa sia un nome a dominio.
>>
>> Se non ricordo male, ho detto altrove che questa nozione - essendo
>> estremamente controversa - il legislatore (chiunque esso sia) farebbe
>> bene a
>> lasciarla al dibattito scientifico, senza impegnarsi in assurde
>> definizioni.
>> Oppure pensi che il legislatore faccia bene a definire tutto?
>>
> Sarebbe un discorso lungo quello sul valore delle definizioni nel
> diritto e, ancora una volta, credo che qui sia OT.

Qui si! ;-)

> Nel merito, cosa sia un dominio lo decidono informatici e ingegneri.
> Quali sono i limiti del suo utilizzo, i giuristi.

Esattamente quello che penso anch'io! Sul punto dichiarerei cessata la
materia del contendere.


> Ho detto una cosa diversa.  Credo che il ruolo di ITA-PE sia
> estremamente importante se e' di natura tecnica, cioe' super partes.
> Se entra nel vivo delle querelle politiche, schierandosi da una parte
> o dall'altra diventa una pedina nelle mani di altri giocatori e,
> francamente, non mi va.

Ok! prendo atto del tuo (condivisibile) punto di vista.

A rileggerci ;-)
Gianluca Navarrini

P.S. La prossima volta fai più attenzione alla natura privata del msg.
Se no ...finiamo per combinare un casino.

--------------------------------------
Avv. Gianluca Navarrini
Dottore di Ricerca in Diritto Processuale Civile - Università di Napoli
"Federico II"
Studio Legale De Propris
00137 - Roma, via U. Ojetti, 79
Tel. 06.8276309 - Fax 06.8274445
avv.navarrini a tin.it
http://www.studiodepropris.it



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe