Assemblea NA del 9.12.03 e Policy Board

Franco Denoth franco.denoth a IIT.CNR.IT
Gio 29 Gen 2004 12:43:58 CET


Egregio Avvocato,

lo IIT, considerati i compiti gia' assegnatigli  nel settore dei nomi
a dominio sotto il cc TLD it, ha preso atto di una situazione di
grave difficolta' della Naming Authority e del suo CE e si e' reso
disponibile, col consenso e la sollecitazione del CE stesso e della
NA, ad andare verso una nuova organizzazione del Registro che
comprendesse all'interno dello stesso, oltre che la funzione
operativa, anche quella normativa.
Il nuovo Policy Board, di cui sono sinceramente lieto lei faccia
parte, iniziera' i suoi lavori quanto prima; sono perfettamente
conscio delle attivita' che dovra' svolgere e stiamo operando nella
direzione di rendere efficace il cambiamento. Ciņ nonostante ci sono,
fra gli altri, dei passi con i  Ministeri,  finalizzati anche alla
nomina di un loro rappresentante, che devono essere compiuti prima di
conseguire l'effettiva operativita' del PB stesso.

Sono francamente perplesso  quando lei afferma di voler ritirare la
sua disponiblita' se il nuovo organismo non sara' costituito dal 1
febbraio prossimo; l'esperienza al "tavolo dei domini", di cui il
Presidente della NA e' testimone, dimostra quanto tale percorso  non
sia ne' facile, ne' breve. La data del 31 gennaio 2004 e' stata
definita quale termine per consentire alla NA di nominare i suoi
membri nel Policy Board, ma non come data per stabilire
l'operativita' del PB. A questo proposito il MoU recita testualmente:
"La validita' del MoU e' limitata al periodo necessario alla NA per
convocare una assemblea in grado di esprimere membri del policy board
eletti in rappresentanza della LIC ed in ogni caso entro e non oltre
il 31/1/2004. Dopo tale data il presente MoU deve considerarsi
decaduto.". Ne' la delibera dell'assemblea della NA del 9 dicembre
2003, che recita testualmente: "...di eleggere un Policy Board, di 6
(sei) persone, secondo i criteri di rappresentanza della  LIC di cui
sopra; tale Policy Board non sara' sottoposto alle attuali regole
statutarie previste per gli organi NA, ed avra' il compito di gestire
al meglio la fase di transizione e l'applicazione del MoU approvato
in data 27 ottobre 2003; ...", lascia intendere un diverso
significato della data del 31 gennaio 2004.

Ritengo che il senso di responsabilita' sempre dimostrato
dall'Istituto nell'assolvere al ruolo di registro del .it non
dovrebbe far sorgere dubbi sulla possibilita' di comportamenti
arbitrari, o in contrasto con le regole fino ad oggi applicate,
nell'intervallo fra il 31 gennaio 2004 e l'inizio della piena
operativita' del PB.

Ciņ premesso non voglio trincerarmi dietro schermi di adempimenti
burocratici e quant'altro; ma coerentemente rappresentarle che certi
progetti si realizzano proficuamente solo se seriamente riflettuti ed
organizzati tenendo in debita considerazione l'interesse pubblico.

Nella fiducia che questa mia contribuisca a chiarire l'intendimento
dello IIT, le invio i migliori saluti.

Franco Denoth


P.S. Ho incaricato Daniele Vannozzi di procedere all'attivazione
della lista pb a nic.it comprendente, al momento, i sei eletti
nell'assemblea NA ed il rappresentate del Garr. La lista verra'
integrata con il procedere delle cooptazioni. Al fine di rendere la
lista utile alla definizione delle prossime azioni del Registro,
Daniele Vannozzi e' provvisoriamente inserito nella lista stessa.




At 17:55 +0100 1/26/04, Ignazio Guerrieri wrote:
>Egregio Professore,
>come noto, il MoU che attualmente regola i rapporti tra NA e RA scadra' il
>31 gennaio prossimo, con la presumibile conseguenza che, successivamente a
>tale data, la RA si sentira' libera di applicare o meno le regole di naming
>emesse dalla NA.
>Per tale motivo, ed in applicazione di un auspicio espressamente manifestato
>da Lei e dall'organismo da Lei diretto, l'assemblea della NA, tenutasi a
>Pisa lo scorso 9 dicembre, ha deliberato di esautorare, di fatto, il CE dei
>suoi poteri normativi, e di affidarli a quello che e' stato definito un
>Policy Board, svincolato dalla Naming Authority e destinato ad essere
>incorporato all'interno del Registro.
>Per ottenere la certezza della completa collaborazione da parte della RA, la
>mozione di Andrea Monti e' stata anche modificata, all'ultimo secondo, nel
>senso da Lei stesso indicato (ricorda? non "presso il registro", ma "nei
>confronti del registro" :-) ).
>Ho acconsentito a candidarmi per il PB (nel quale sono stato eletto), nella
>convinzione che questa sorta di "extrema ratio" per la NA, pur
>rappresentando un calice assai amaro, sarebbe stata accolta seriamente da
>parte del Registro, ed avrebbe permesso ad ita-pe (sia pure indirettamente)
>di continuare ad avere una pur minima voce in capitolo nella definizione
>delle regole di naming.
>Debbo pero' constatare che, ad ormai soli cinque giorni dalla fatidica
>scadenza del 31 gennaio, non solo non si sa ancora nulla circa la
>convocazione del PB, o sul suo modus operandi, ma nemmeno e' stato creato
>uno straccio di lista interna; tutti compiti che, evidentemente, gravano sul
>Registro, che - e' innegabile - tanto ha voluto questo Policy Board.
>Sono sicuro che l'atteggiamento della RA, che di fatto ha portato prima il
>CE ad approvare il MoU del 27 ottobre, e poi l'assemblea NA a pronunciare la
>delibera del 9 dicembre, sia dettato dalle intenzioni piu' serie e concrete;
>nell'improbabile eventualita' che cosi' non fosse, poiche' non e' mio
>costume prestarmi ad operazioni di mera facciata, debbo comunicare, a Lei ed
>alla lista ita-pe cui scrivo per conoscenza che, qualora il Policy Board non
>dovesse essere messo in grado di operare fattivamente dal 1 febbraio, saro'
>costretto a ritirare immediatamente la mia disponibilita' dal farne parte;
>non sarebbe infatti tecnicamente possibile parlare di dimissioni, visto che
>esso non si sarebbe nemmeno costituito.
>Con i migliori saluti.
>
>===========================
>Avv. Ignazio Guerrieri
>Via Giovanni Nicotera, 29
>00195 - ROMA
>Tel. 06.3217708 - Fax 06.3223335
>E-mail: guelex a tin.it



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe