Commissione Regole

Joy Marino j a YMARINO.IT
Mar 6 Lug 2004 16:45:15 CEST


{evito qualunque "include" visti i tanti e diversi pareri che sono stati
espressi}

Vorrei cercare di dare un piccolo contributo alla discussione che ho visto
crescere in questi giorni, considerandomi parte in causa in quanto membro
della commissione di cui sopra.
La CR e` nata cercando di rappresentare tutti i soggetti che hanno
interesse a che` il Registro funzioni nel modo migliore possibile, cercando
di mantenere l'eqiulibrio tra interessi che necessariamente possono essere
in conflitto tra di loro.
Non ho letto nessuna contestazione per una mancanza di rappresentativita`
di tutte le contituencies, al piu` viene sollevato il problema della
rappresentanza della "NA" nel CR, dove per altro esiste una vacanza che
aspetta ancora di essere colmata.

La CR ha cooptato due "esperti", e nessuno credo possa contestare la
patente di esperti degli argomenti che ci competono di Claudio e Stefano.
Quando si tratta di mettere sul tavolo la competenza le eventuali
affiliazioni vengono dopo, molto dopo. Mi aspetto che Claudio e Stefano
contribuiscano a rafforzare la CR portando sia il loro bagaglio di
esperienza che la loro rete di relazioni. A tutt'oggi, sia per le
lungaggini della notifica delle nomine, sia per lo scheduling delle
riunioni che ha penalizzato i nuovi membri, hanno potuto contribuire solo
marginalmente.

Altri membri dovranno entrare a far parte della CR, perche` non ci muoviamo
nel vuoto ed un sano ed equilibrato rapporto con le Istituzioni e`
indispensabile. E qui credo che qualcuno voglia sollevare il tema della
conta dei voti all'interno della CR, nonche` quello della autnomia della
stessa dal Registro.

Tranne i casi in cui un unico soggetto esprime il 51% dei voti e quindi e`
autorizzato a fare quello che vuole (esisitono societa` che funzionano - e
bene - cosi`; in democrazia difficilmente accade cosi`), nelle situazioni
"normali" di piu` soggetti i voti si "pesano" oltreche` si contano. Ho la
massima fiducia nei membri della CR, sia per la loro competenza sia per la
chiarezza delle rappresentanze; credo che qualunque votazione che finisse a
stretta maggioranza sarebbe il segno di una debolezza della CR, e come tale
mi auguro di non doverla mai incontrare.
Per quanto riguarda il framework esterno della CR, che qualcuno
correttamente citava come "consultiva" al Registro, ritengo che la
formulazione del Regolamento rappresenti un adeguato bilanciamento dei
poteri: se, alla fine delle fini, la responsabilita` amministrativa e
legale del Registro grava sulle spalle del Direttore, e` bene che a lui
spetti di rendere esecutive le Regole, e nel caso in cui non sia d'accordo
le rimanda alla CR con motivato parere.
Sicuramente possiamo immaginare situazioni patologiche in cui il meccanismo
puo` teoricamente entrare in crisi, ma io ritengo che le regole siano fatte
per le persone e non viceversa, e finche` saro` nella CR non nessuna
intenzione di operare a colpi di maggioranza o per contrapposizione
frontale.

Auspico che ITA-PE continui la sua funzione di spazio aperto di
discussione, una funzione indispensabile a condizione che sia, appunto,
quanto piu` aperto possibile, anche a costo di dover ascoltare improperi ed
insulti da parte di quelli che gridano piu` forte.


--
_______________________________________________________________________________

                                        Joy Marino



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe