Passo avanti? (era: Alcune osservazioni sulle nuove regole: Art. 15.5)

mntner@interazioni.it mntner a INTERAZIONI.IT
Ven 23 Lug 2004 11:46:40 CEST


At 23/07/2004 23/07/2004 +0200, "avv. gianluca navarrini"
<avv.navarrini a tin.it> wrote:
>mntner a interazioni.it wrote:
>[cut]
> > Te ne faccio subito alcune:
> >
> > 1) visto che non esistono più limiti per associazioni e persone
> > fisiche,
> > che senso ha avere cinque LAR diverse?
> > Perché una ditta deve indicarti l'iscrizione CCIAA quando ad altri
> > basta indicare la partita IVA ed altri non la devono proprio indicare?
> > La mia proposta è: una unica LAR per tutti, con al massimo la
> > possibilità
> > di indicare tipo di società, responsabile e partita iva oppure codice
> > fiscale.
>
>La proposta va nella direzione di un semplificazione eccellente ed
>auspicabile.
>Forse - laddove si volesse mantenere la LAR - occorrerebbe tracciare una
>sola distinzione: LAR per consumatori (intendendo con tale dizione coloro
>che agiscono al di fuori della loro attività professionale e/o commerciale)
>e LAR per professionisti (tra cui si ricomprendono società commerciali,
>imprenditori individuali, altri enti con o senza personalità giuridica,
>liberi professionisti).
>Ritengo che la distinzione possa risultare utile al fine di differenziare il
>contenuto acessorio della LAR: ad esempio la clausola di determinazione del
>foro competente per le controversie si presume vessatoria, laddove il foro
>idividuato sia in località diversa da quella di residenza o di domicilio
>elettivo del consumatore (art. 1469-ter, comma 3, n. 19, cc).

Sono d'accordo, anche se penso che il tutto debba rimanere in una LAR.
R.A. sembra godere della burocrazia, e sarebbe bene omettere tutto quello
che è automatico e previsto già nel codice civile (magari allargando una
sezione sul sito dedicata agli esempi ed alla casistica di legge
relativamente alla materia).

D'altronde, penso che le equiparazioni [CF = consumatore, IVA =
ditta/professionista] siano più che sufficienti per delineare lo scenario.


>[cut]
> > 4) registrazione per più anni.
> > Dare la possibilità di registrare un dominio per più anni, non solo
> > per quello successivo, magari pagando il tutto anticipatamente.
>
>Qui bisogna valutare soltanto la convenienza contabile/fiscale (sia per
>l'acquirente, sia per il registro) di una simile operazione.

Scusami, ma il registro non deve limitare il mercato per sue convenienze,
tutt'al più può fare un prezzo esagerato su richieste particolari e fuori
mercato. Perchè, come consumatore finale, magari avendo un surplus di
entrate, non posso decidere di estendere le mie registrazioni di dieci
anni, indipendentemente dai miei (eventuali) provider futuri, e metterle
nel testamento a favore dei miei nipotini?


>[cut]
> > 6) visto che quando ho avuto problemi con la R.A. mi sono sentito dire
> > (preciso: come consiglio amichevole e non intimidatorio) che se
> > volevo fare causa dovevo ricordarmi che mi sarei trovato contro
> > l'avvocatura di stato, perché non stabilire a chiare lettere che in
> > quanto fornitore di servizi di tipo "industriale" e/o "privato", la
> > R.A. non possa avvalersi
> > dell'avvocatura di stato, ma debba rispondere come tutte le normali
> > ditte? Perché non chiarire bene questo aspetto, a tutela dei provider
> > e degli
> > utenti finali?
>
>'Sta cosa, però, andrebbe disposta con legge... Non certo con le regole di
>naming!
>Così come a me è sempre parso dubbio il rimedio contro eventuali illegittimi
>rifiuti alla registrazione di un dominio. Il richiedente deve impugnare il
>rifiuto dinanzi al TAR o può ricorrere al giudice civile?
>
>Non voglio, almeno per ora, tornare alla carica con la oramai annosa
>questione relativa al monopolio di fatto in cui la RA opera... tuttavia - in
>difetto di "copertura normativa" di tale monopolio - non ritengo sarebbe
>male inserire nelle regole di naming un espresso riferimento all'art. 2597
>cc.

Il vero scandalo è questo. Perché per ENEL, TELECOM, ACEA, ACI, ecc. posso
andare dal pretore o dal giudice civile e per la R.A. no? La registrazione
di un dominio equivale alla richiesta di un numero telefonico
personalizzato, e non ad un certificato di nascita.

>Cordialmente
>Gianluca Navarrini

Ciao,

Tonino



------------------------------------------------------------
          Inter a zioni           Interazioni di Antonio Nati
      Tel. +39 06 77203704       http://www.interazioni.it
      Fax  +39 06 77260035          info a interazioni.it
------------------------------------------------------------



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe