E' morta la NA, viva ITA-PE!

Lapo Sergi lapo.sergi a QUIXE.IT
Mar 22 Giu 2004 18:29:10 CEST


> Penso assisteremo prima ad una colonia sulla Luna che ad una NA di
> nuovo attiva e funzionante

Alla colonia su Marte, invece, assisteremo prima che arrivi un euro dagli EC
:-))

Vedo come sempre molti sognatori pronti a dare ragione in percentuali miste
a questo o a quello, qui la polemica è ancora viva ma è il ragionamento -
ahimè - che langue. :-))

Allora .... ragioniamo!

La destinazione del 5% dovrebbe essere l'ultima o penultima (prima dello
scioglimento) delibera di una NA ormai morta che oltretutto non può disporre
di fondi per statuto, e che dunque dovrebbe registrare la modifica dello
statuto con atto notarile, passando da associazione senza scopo di lucro ad
altro soggetto al quale sia consentito per legge di disporre di fondi
(ammesso che arrivi ad una delibera, ricordo che le modifiche statutarie
necessitano di maggioranza assoluta ossia attualmente 192 voti).

Poi qualcuno deve andare dal notaio, pagarlo, poi dall'avvocato (avendo cura
di non sceglierlo tra i sostenitori/fondatori degli EC :-))) pagare le spese
legali per citare in causa ogni ente conduttore, uno per uno, perchè tanto
una semplice delibera non porterà un euro in cassa e tutta questa fatica,
per giunta, per devolvere infine tali fondi in beneficenza (altra grana non
da poco, dal pdv strettamente tecnico). Poi ricordiamoci tra un anno, anche
di fare dichiarazione...
Ah, dimenticavo, qualcuno ha tenuto traccia delle tariffe degli EC ed i loro
cambiamenti nel corso degli anni per stabilire a quanto ammonta il 5% di di
ciascuna pratica svolta?
Bilanci? Certo, se te li fanno vedere. E poi alcuni, non sono società a se
stanti ma parti di uno studio legale e la parte EC rientra nella contabilità
dello studio stesso. Chi stabilisce le cifre?

Poi metti dall'altra parte il fatto che gli EC altro non sono che "coacervi"
di avvocati e paralegali (categoria mutuata dagli USA, dov'è riconosciuta)
che battaglieranno senza pace e senza spese (soprattutto...) per evitare di
versare un obolo oltretutto ingiusto, visto quanto la NA ha fatto per gli
Enti e la loro sopravvivenza (vedi il mio post di qualche giorno fa).

Specialmente chi ha fatturato molto (penso a CRDD o ARBITRONLINE) non credo
si arrenderà di fronte alla decisione di uno sparuto gruppetto di sognatori,
che oltretutto diciamolo, non conta più nulla!!! :-) Alcuni EC, poi, non
esistono più nemmeno.

Vabbè, insomma, si è capito il ginepraio.

E' ingiusto? Anche il PB lo è, anche l'arbitro che nega un rigore o annulla
il gol in fuorigioco. La vita è ingiusta, persino. Andiamo avanti.

Chiudo con un invito: basta parlare di fantascienza, concludiamo tutti gli
attacchi personali (nostra specialià di lista) ed esauriamo le lamentele di
cui anch'io sono stato latore nei confronti del PB "autocooptante", visto
che anch'esse rientrano nel catalogo dell'inutilità (anche se qualche
sassolino fa sempre piacere toglierselo: leggere Cecconi che scrive "... mi
sono stufato vedere gli stessi culi sulle stesse sedie ...", per dirla alla
Mastercard "... non ha prezzo!").

Discutiamo adesso quando vederci e come fare a tirar giù la saracinesca
della Naming Authority in modo indolore.

Lapo Sergi



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe