R: Richiesta documentazione

Alessandro Nosenzo ita-pe a NOSENZO.IT
Mer 30 Giu 2004 18:59:06 CEST


Caro Daniele Ti ringrazio della risposta.
Preciso subito per evitare timori che per non tediarvi oltre mi
fermero' a questo post su questo argomento.
Al di la' dei confini della Padania che definiscono un modo di vivere
e pensare forse differente ma non superiore come l'hai erroneamente
interpretato, resta il fatto che con il buon senso e la buona
volonta' non si va da nessuna parte.
Infatti ci siamo dati delle regole proprio per evitare l'applicazione
del buon senso o della discrezionalita'.
In questo la mia critica di provincialismo nella gestione delle
registrazioni.
Quando si usa solo il buon senso e la buona volonta' il rischio di
trattamenti non equi e' assai elevato ed e' quello che, senza alcun
desiderio di offendere la gente che lavora, io ho cercato di
esprimere.
Non ci troveremo mai daccordo e questo non e' necessariamente un male
quindi mi fermo qui, ma ribadisco che il mio precedente post resta
del tutto attuale e le osservazioni fatte non ne modificano la
portata.
Questo naturalmente non modifica di una virgola la mia amicizia e
stima personale nei Tuoi confronti.
Saluti.

Alessandro Nosenzo


On 30 Jun 2004 at 17:45, Daniele Vannozzi wrote:
> Alessandro Nosenzo wrote:
> > La richiesta della RA, al di la' della felice o infelice frase
> > usata, non e' legittima.
> Alessandro,
> non e' cosi', le regole e procedure di naming in vigore lasciano al
> registro la facolta' di mettere in sospensione un nome a dominio e
> conseguentemente di chiedere idonea documentazione.
> > Infatti la RA non ha alcuna legittimazione a proteggere gli
> > interessi di taluni utenti e quindi la richiesta e' semplicemente da
> > ignorare. La RA potrebbe richiedere ulteriore documentazione solo
> > nel caso in cui i dati dichiarati risultassero non corretti (da
> > controlli effettuati). In relata' la RA, che agisce in regime di
> > monopolio ecc. ecc., ha il solo scopo primario di evitare di avere
> > delle noie legali e quindi chidera' certamente ulteriori documenti
> > per il dominio con il nome del Presidente della Repubblica ma se ne
> > freghera' allegramente se si richiede ciccilocacace.it .
> Non e' cosi' e vi sono centinaia e centinaia di lettere che dimostrano
> che per noi un nome a dominio "contenente/assimilabile" al nome e
> cognome di una persona viene trattato allo stesso modo sia che questo
> "identifichi" una persona nota/celebre o un "pincopallo" come me.
> > Non e' sbagliato il principio che ispira la RA e che le impone di
> > proteggere se stessa, e' sbagliato ed inaccettabile il principio
> > secondo il quale la RA possa entrare nel merito dei nomi a dominio.
> > Del resto in questo Paese si tollerano gli abusi delle autorita' che
> > per esempio fermano un libero cittadino in auto con la motivazione
> > folle "normale controllo" (come se fosse normale essere fermati da
> > due impiegati armati di mitraglietta). Di normale non c'e' nulla
> > quando il potere di giudicare (scegliere cosa sia legale o meno o,
> > nell'esempio, quale auto fermare) viene sottratto dai compiti dei
> > Giudici ad opera di qualunque imbecille con una pistola in tasca.
> > Perche' non provate ad imitare che cosa succede nel Regno Unito dove
> > le auto non vengono fermate senza una ragione ed i nomi a dominio
> > sono registrati senza illecite verifiche. Se per dimostrare che ho
> > ragione volete fare una causa pilota sull'argomento fate pure io non
> > spreco un centesimo per accertare cio' che e' talmente ovvio. Mi
> > permetto infine di aggiungere un aggettivo ai soliti apprezzamenti
> > per la RA: gestione provinciale. Magari fosse a Milano la RA: forse
> > la mentalita' sarebbe molto diversa.
> Alessandro, mi stai dando "dell'essere inferiore" visto che Pisa si
> trova al di la' del "fiume Po"? ;-)))))) L'unica cosa che cambierebe
> se la RA fosse a Milano che con Enzo e con te ne potremmo discutere
> davanti ad un caffe' e sicuramente ci saremmo capiti al volo.
> Salutoni,
>   Daniele
> P.S.
> Enzo ti puo' confermare che stiamo gestendo la cosa utilizzando il
> buon senso nel rispetto delle regole e procedure di naming.



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe