Il servizio - la grana - il potere - la gastronomia (replica a Zangheri)

Paolo Zangheri paolo.zangheri a ALTAIR.IT
Lun 15 Nov 2004 15:07:37 CET


>
> Avro' la mia quota di torto e ragione ma protesto questa superficialita'
> da chi e' intelligente: se anche tutti urlassero slogan a favore dei
> .com, io non ci marcio in questo corteo; non rimanare centrati su rules
> faticosamente condivise e' una banalita'; segar fuori dal sistema la
> storia e la realta' della ricerca e' peggio di una banalita'; cambiare
> sistema di relazioni proprio mentre wsis propone una pausa e' un
> suicidio.

In realtà intendevo prendere ad esempio quei ccTLD europei tipo .uk. .de
.fr o .ch, e non certamente quella bolgia del .com.

Senza esagerare come sempre, la gestione di un ccTLD non riguarda i
massimi sistemi, la storia di Internet o dell'uomo, e non ha nulla a che
vedere con cose belle e importanti quali i diritti e la libertà.

Su tratta di gestire un piccolo servizio relativo ad una porzione della
rete.

E volere che una delle tante zone della rete, il ccTLD .it, sia
gestibile senza abomini quali la LAR, o la stupida burocrazia della RA,
non è una cosa importante, o essenziale, ma per chi ci opera, aiuta a
fare meglio il proprio lavoro.

COme piccolo operatore spendo un sacco di energie a per arginare e
risolvere questioni stupide relative alla registrazione dei domini .it,
stupide come la mancata indicazione della versione della LAR, o
l'essenza stessa della LAR (io mi vergogno sempre ogni volta che la
leggo, o che la faccio leggere e compilare dai miei clienti).

Abbiamo letto autorevoli pareri sulla assurdità della LAR, per fortuna
(dei nostri eroi di Pisa) nessuna LAR ha mai dovuto essere oggetto di
una decisione in un tribunale della Repubblica, nonostante i suoi
contenuti illegali e vessatori, ma mai la RA, ne prima ne dopo, ha
accettato un confronto sull'argomento (la presa di posizione ambrionale
della NA, organizzata da Alessia Ambrosini è stata a mio parere uno dei
motivi per cui adesso esiste un CR).

Per cui, non raccontiamoci frottole, non inventiamo cosmogonie esotiche,
non chiediamoci perchè la storia del calcolo automatico in Italia si è
sviluppata in un certo senso, ma per Diana, vogliamo in qualità di
persone razionali e intelligenti, ambire ad un sistema di gestione del
ccTLD .it migliore, più efficiente ed efficace.

E soprattutto in cui chi pretende di essere irresponsabile sia
estromesso da un processo che richiede responsabilità e atenzione ai
diritti di terze parti, utenti, clienti e maintainer.

Paolo Zangheri



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe