Banalita'

Control C master a CHIARI.NET
Lun 22 Nov 2004 09:07:16 CET


Eus,

hai scritto l' argomento estremo di una *conservazione* della Naming
Authority, ma non c' e' piu' niente da fare.

Riferimento .1. Mozione

> DELIBERA
>
> ...
> di eleggere un Policy Board, di 6 (sei) persone, secondo i criteri
> di  rappresentanza della  LIC di cui sopra; tale Policy Board  non
> sarŕ  sottoposto alle attuali regole statutarie previste  per  gli
> organi NA
> ...

Queste esatte parole, questo concetto, - precisamente argomentati per
ore, pubblicamente calcolati non equivocamenti scritti - da Ignazio
Guerrieri e Andrea Monti - non appartengono piu' a loro: sono fatti
propri dalla nostra Assemblea

Favorevoli 152
Contrari 3
Astenuti 0

Data la *devolution* di NA, e ri-assunti i *pieni poteri propri* da
ita-pe - nell' asse del tuo ragionamento viene a mancare un fondamento
essenziale.

Riferimento .2. URL
http://www.nic.it/RA/CR/componenti.html

Noi non siamo piu' la Naming Authority Italiana.
                             :::::::::

Dire o alludere che lo siamo e' a mio avviso ipocrita e reazionario (che
sono giudizi di merito). E falso (e questo, Eusebio, non e' un giudizio
di merito).

Giorgio
:::::::

Eusebio Giandomenico wrote:
>
> Continuo a ritenere inopportuno delegare un nostro rappresentante prima di
> averne definito la delega, e solo di delega - a mio avviso - si puo'
> trattare.
>
> Ho gia' sollevato la cosa sia in assemblea che in lista, mi avete tutti
> risposto che non ce n'era bisogno...
>
> Il Presidente dovrebbe emettere l’atto di delega – in forma scritta –
> indicando la durata temporale, l’oggetto, la materia, gli eventuali limiti in
> cui opera il trasferimento della competenza e deve contenere gli indirizzi
> generali in base ai quali deve essere esercitata, andrebbe inoltre definito
> se la potestĂ  del delegato concorra con quella del Presidente o la
> sostituisca e se dunque il Presidente - dopo aver rilasciato delega -
> mantenga o meno la rappresentanza sugli ambiti della delega, cosa che
> sembrerebbe preclusa dal tipo di incarico che la RA attribuisce ai componenti
> del CR (il problema sussiste peraltro anche per gli altri componenti del CR).
>
> Se definiamo questo, con il concorso del Registro, il problema del nome assume
> valenza di eccellenza, in caso contrario assume quello di rischio in quanto,
> al di fuori dell'Assemblea, una procedura "elettiva" - seppur valida per la
> lista - non sarebbe recepibile in maniera sicura da parte della RA ed
> esporrebbe la NA ad un pericoloso contraccolpo.
>
> EG



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe