Mozione per assemblea NA

Enzo Fogliani fog a FOG.IT
Mar 5 Lug 2005 23:16:35 CEST


Eusebio Giandomenico ha scritto:

>Alle 18:30, martedý 5 luglio 2005, Enzo Fogliani ha scritto:
>
>
>>la necessita' di avere
>>strumenti per filtrare l'ammissione alla lista o per espellerne membri,
>>mi fa dubitare che la tua nuova ita-pe abbia quella struttura
>>interdisciplinare e dialettica che io propugno, tu affermi ma nelle
>>parole del manifesto poco traspare.
>>
>>
>
>Si tratta solo di saper ascoltare.
>
>La necessita' di dotarsi di idonei strumenti di gestione degli utenti non e'
>una questione politica ma - soprattutto - tecnica (non nella ristretta
>accezione di tecnologica).
>
>(..zip..)
>
>
>d) In ultimo, l'espulsione, l'unica sanzione prevista e peraltro non
>definitiva, un regolamento e' necessario e questo deve contenere delle norme
>e dunque almeno una sanzione.
>
>
Eusebio, il problema e' che non si sta parlando di uno statuto o di un
regolamento, ma di un manifesto di una lista di discussione. Da come
l'avete configurato, io vedo nel manifesto una previsione di norme
"rigide" che stonano con la struttura flessibile della lista, e come
tali inducono a ritenere che esse vogliano avere nel manifesto una
posizione "pesante".

Se fossero state in una struttura diversa (p. es., un'associazione con
uno statuto), il loro peso sarebbe stato minore. Se mi e' consentito, a
grandi linee potrei dire che una lista rispetto ad un'associazione  e'
un po' come un ordinamento di common law (come i paesi anglosassoni) di
fronte a d uno di  civil law (come il nostro). Nel primo, il giudice si
affida ai precedenti e trae le regole dal sentire comune dei cittadini;
nel secondo, quel che e' scritto e' scritto e non si puo' cambiare.

Anche nel common law hanno alcune leggi scritte; e queste sono ben piu'
"pesanti" del common law, perche' ovviamente, essendo scritte, non
possono essere modificate dal sentire comune (e quindi, per esempio
essere ritenute abrogate tacitamente per disapplicazione).

E' ovvio quindi che mettere delle regole cosi' pesanti e precise circa
ammissibilita' e modalita' di espulsione dalla lista in una struttura
che per definizione e' snella ed informale e' ben diverso che metterle
in una struttura che deve funzionare seguendo alla lettera e
pedissequamente quello che e' scritto in uno statuto.

Quindi, fare esempi con lo statuto della NA o con "regolamenti" non Ŕ
corretto, perche' sono due cose molto diverse. O fate un'associazione
con uno statuto, e allora potrei anche concordare sulla opportunita' di
metterci regole cosi' precise, se regole altrettanto precise ci fossero
per il resto dell'attivita' dell'associazione. Ma inserire uno strumento
cosi' "pesante" in una struttura cosi' leggera ha un significato e una
potenzialita' politica ben precisa.

Siamo tutti d'accordo che per mangiare la carne serve un coltello. Ma se
io invece di tenere in casa per mangiare un coltello da tavola mi
attrezzo ed esco per strada con un coltellone da cacciatore con una lama
da 45 cm. in bella vista alla cintura, permettimi che la gente che mi
vede possa allarmarsi e possa dubitare del fatto che mi serva
semplicemente per tagliarmi a pranzo una bistecchina.

>Ora che la mia mozione non e' stata nemmeno presa in considerazione per l'OdG, mi sento di poter tranquillamente rifiutare lezioni di dialettica e mettere in guardia sul rischio di confondere dialettica e retorica.
>
>
Se hai una mozione tua, mi sembra giusto che anch'essa sia messa
all'ordine del giorno. Penso che debba semplicemente chiederlo a Claudio
(anche la mia, a tutt'oggi, non e' ancora all'ordine del giorno).

Ciao,

Enzo.

--
--------------------------> <-------------------------
Avv. prof. Enzo Fogliani, via Prisciano 42, 00136 Roma
Tel.: +39-06-35346935; Fax: +39-06-35453501
http://www.fog.it/enzo  - E-Mail: fog a fog.it

-------------- parte successiva --------------
Un allegato HTML Ŕ stato rimosso...
URL: <http://listsrv.nic.it/pipermail/ita-pe/attachments/20050705/e30137ab/attachment.html>


Maggiori informazioni sulla lista ita-pe