punto all'ordine del giorno

Control C master a CHIARI.NET
Dom 10 Lug 2005 20:07:13 CEST


maurizio codogno wrote:
>
> Claudio,
> nell'ordine del giorno hai saltato il punto
> - designazione del rappresentante di ita-pe in Commissione Regole
> da mettere naturalmente in una posizione qualunque *dopo* le mozioni
> per l'estinzione della NA.
> In questo modo, se la NA sarÓ estinta Ŕ giusto che non venga votato
> (la famosa risposta alla domanda "che cos'Ŕ ITA-PE" ha come risposta
> "sicuramente non la Naming Authority"), mentre se non sarÓ estinta
> allora ITA-PE Ŕ esattamente quello che era il 9 dicembre 2003, quindi
> non ci sono problemi a votare un rappresentante.
>
> ciao, .mau.

Caro .mau.,

la Assemblea va' a deliberare (a _lascito della estinzione)  su visioni
programmatiche e organizzative di ita-pe obbiettivamente non componibili
(mailing list "open" /vs/ associazione per selezione discrezionale di
competenza & cooptazione dall'alto ecc. ecc.).

Il manifesto di cui sei estensore  estrania *letteralmente* ita-pe dalla
identita' funzionale (lista) su cui la Assemblea 9 dic 2003 aveva
costruito la connotazione (utenza) dello accredito ita-pe in CR. (e
questa connotazione abbiamo concordato "con altri" .mau. ...)

In queste condizioni sono perplesso a deliberare all' interno dei lavori
di Assemblea NA la designazione del delegato ita-pe - e non so' neppure
se Claudio *possa* tranquillamente inserire una simile facolta' di
esercizio nell' ordine dei lavori delle !ultime ore! della associazione
che presiede.

A livello personale, io mi trovo in condizione di stallo, avendo
promosso (per pubblica nomination su Marco Negri) una designazione
esplicitamente indicata "di comunita'", trasformata da Marco, nello
svolgersi degli eventi, in leadership di una "avanguardia" impiantata
con tecniche che a me sono parse trasparentemente di "frazione" (lo dico
SENZA animo critico, ritengo la operazione LEGITTIMA, ma COSI' e' andata
- almeno secondo me).

Nel merito: ti confermo che, anche per lettura della posta di questi
giorni, considero la vostra "nuova ita-pe" "sicuramente la replicazione
Naming Authority per quanto possibile".

Sulla genealogia: io NON chiedo di mettere ai voti le mie OPINIONI

-che la generazione prima della catena di crisi e' stata ... la prova
del fuoco di NA ... una scrittura delle procedure tecniche della
"liberalizzazione" _errata da parte di chi era deputato a scriverle: il
Comitato Esecutivo della Naming Authority Italiana;

-che dopo la riduzione a nicchia della generazione osi x(nn) la
terminazione del dualismo costituzional Naming/Registration referenziata
sulla estensione di iso 6523 era solo questione di tempo;

-che il tempo straordinario delle !valide! strette di mano fra
Alessandro Faedo presidente CNR e Stefano Trumpy Direttore del Registro
e' _finito.

.mau., x me e' SBAGLIATO (e futile)  che parti in causa "mettano ai voti
la storia". !Solo cosi'! ITA-PE puo' essere libera di scegliersi il
proprio destino, con minima condizione di ipoteche e gabbie, di statuto
e relazione personale.

Vittorio: non so aiutarti. Io, se un accidenti mi impedisce di
presenziare, delega Claudio con delega completa xche' il livello della
crisi e' per me tale che scelgo il "minimo impatto". Non e' il massimo
la delega istituzionale lo so', e comunque non mi nascondo dietro un
dito: mi fido di Claudio nelle crisi toste.

A proposito Navarrini: io_stimo_tutti.

Giorgio
:::::::



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe