[Fwd: Re: la solita domanda]

enzoviscuso@cheapnet.it enzoviscuso a CHEAPNET.IT
Mar 21 Giu 2005 14:28:58 CEST


Riposto, rivista e corretta e ripulita, visto che e' stata presa, come
al solito,
in considerazione una parte inessenziale, ed e' rimasto scoperto il resto:
Tecnica utilizzata per "sommergere" un post sgradito,
e quindi d'ora in poi faro' cosi'. Se il post fa paura a qualcuno,
significa che a qualcosa serve.  Vincenzo.




Guardiamo come e' distribuita la Internet governance a livello mondiale:
ICANN si occupa di nomi domini, numerazione porte, numeri IP.
ISOC  (anche nell'ambito di IETF, che ne fa parte) di tutto il resto (o
quasi).

ITA-PE non si occupa di Internet Governance,  non si occupa di digital
divide,
non si occupa di studiare nuovi protocolli, non si occupa di antispam.
Dovrebbe solo occuparsi di studiare e discutere quello che riguarda il
suffisso".it";
certo, non puo' rifuggire dal resto e dal mondo, ma solo in quanto
collegato
con questo piccolo suffisso sconosciuto.

Un esempio: piccola ma grande questione:
Ci teniamo IT come anonima sigla ISO della nostra italietta per
proseguire nella
zeffirelliana tradizione che ha obbligato a reintrodurre le sigle delle
nostre provincie sulle targhe automobilistche, o pensiamo alla grande,
lo facciamo diventare "Information Technology" e lo VENDIAMO
a tutto il mondo?  Magari a prezzo piu' alto (i fatidici 35 $).
Bellissimo, ma sapete cosa  e' che blocca tutto cio'?
Solo una cosa, un antidiluviano pezzo di carta: la LAR
E la paura che un indigeno Huntu si registri uruburu.it che potrebbe
essere una offesa sacrilega  alla tribu' vicina, e il Registro si
vedrebbe una bella condanna dell'assemblea ONU per avere fomentato un genocidio.

E cosi' il cerchio si chiude.

Vincenzo.



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe