il nuovo whois: bella cagata

Raimondo Bruschi raimondo a BRUSCHI.COM
Dom 13 Mar 2005 22:39:39 CET


At 20.11 13/03/2005 Sunday +0100, you wrote:
>Poi, nessuno qui vuole fare l'integralista: ad esempio nell'ultima
>riunione di CR si  deciso concordemente di andare dal Garante della
>Privacy e chiedergli se gli individui devono davvero poter mantenere
>riservati tutti i dati, o se invece non sia meglio mantenere
>obbligatoriamente pubblici almeno il nome e uno a sua scelta tra indirizzo
>postale, indirizzo di e-mail e numero di telefono, in modo che sia
>effettivamente raggiungibile. Credo che potrebbe essere un compromesso
>ragionevole.

Ma veramente al CR pensate a queste cose ?

I dati aziendali sono pubblici,
per lo meno quelli che stanno
anche reperibili alla camera di commercio,
pertanto che andate a chiedere, a farvi ridere dietro ?

La tutela della privacy si ispira a garantire
ad ognuno di vivere la propria vita senza discriminazioni
di sesso, religione , di eta o cose del genere,
per cui nel caso dei privati si parla di tutelare il "nome"
e nessun remora dovrebbe esser applicata
nell'indicare il cognome di qualcuno
ne tantomeno il suo domicilio fiscale o civile
visto che richiede in assegnazione un nome a dominio,
dove spesso pubblicizza prodotti, se stesso o altre cose simili
o che utilizza per comunicare con terzi via mail
in modo da essere personalmente e unicamente identificato,
visto che la legge tutela i privati dai rompi
che gli rovinano al vita telefonandogli o rompendogli via mail di mex,
non chi opera in web sotto false spoglie o tutelato dall'anonimato
che per buon senso devono poter essere identificabili
almeno aveva senso non censurare l'accesso agli operatori di settore
qualificati
per tutti gli usi che i colleghi hanno ampiamente indicato.
A gia' dimenticavo gli MNT non sono qualificati
basta che paghino 2500 euro anche se sono pizzerie
possono essere MNT ora che anche i tabacchini registrano domini
come resto delle sigarette, come il collega ricordava.

La pubblicazione dei dati
come quelli richiesti dalle Lar in parte
sono soggetti a consenso di trattamento
e la loro pubblicazione e' a uso a volonta' dello stesso,
per cui chiedetelo all'interessato assegnatario
come si fa per l'elenco del telefono nel caso
o forse c'e' la paura che scrivendo agli assegnatari
si scopra che molti domini sono intestati
a utenti fantasma e inesistenti e i dati raccolti (intestazione)
sono palesemente falsi o errati o spesso sono del' MNT
che si intesta il dominio ? In questo caso coprire il misfatto
con le scuse delle tutela delle privacy e meglio che
scoprire i misfatti e il non rispetto della tenuta di dati aggiornanti
punibile quanto la tenuta o diffusione senza consenso.

Mi viene inoltre da ridere perche'
l'ufficio del garante e' aperto a tutti,
specialmente al nic che come tanti di noi
puo' accedere con una semplice telefonata a ...........
per questi chiarimenti, visto che faceva pure il nostro lavoro.
Non richiede di decidere unanimamente di rivolgersi.
Inoltre alcuni componenti del CR sono di casa
quanto il sottoscritto per collaborazioni varie.

Il trattamento del whois inoltre
e' gia stato oggetto di richieste dall'Avv.A.Monti
presso la sede dello stesso
in funzione della stesura del codice deontologico.
Non vedo come potra' pronunciarsi diversamente
da cio' che e' specifico della 196 o lo sara' dal codice deontologico.
Confido che il garante abbia il buon senso di pronunciarsi
in merito solo dopo una attenta analisi del problema,
anzi penso che al momento preferira' non farlo ufficialmente nello specifico
rimandandolo alle opportune sedi e momenti.

Pero fate pure..nessuno ve lo vieta,
e che l'ufficio potra' risponde come gli pare visto che ne e' il diretto
garante
ma il senso e' di non venire a sparare cazzate
su percorsi ufficiali che richiedono unanimi delibere per
poter avere contatto con l'istituzione e per modificare un whois
secondo arbitrari concetti, dove bastava solo bloccare
ripetitivi accesso per prelievi del db massivi,
e garantire la trasparenza e l'operato degli MNT


Distinti Saluti
--
Servizi Internet Srl - Casella Postale 601 Succursale 18 BS - I-25128 BS
P.Iva 03488920178  EAN 80-3266876 REGDOM-MNT AS-16257

Tel. Centralino 199.250.041 Area Tecnica 199.250.043
Sales e commercial: 199.250.042 Cell.+39.335.5282887
First AID - Assistenza 24h/7d +39.335.5688390
FAX +39.030.51031197 Aziendale +39.030.51031199
cercami/search come/for raimondo a bruschi.com
con/with Skype.com Msn.com Yahoo.it - ICQ 17858453

Brand: ancara.net, conferma.it, eudom.it, faxtomail.it,
formail.it, keyla.it, mail2nd.it, quasigratis.it, regdom.it,
registrailtuomarchio.it, sendfax.it, sendsms.it, webftp .it



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe