Commissione regole e privacy.

lll ls a KKK.IT
Mar 15 Mar 2005 11:22:48 CET


Che dire?

Parole sante, Enzo.

Non sono intervenuto sinora nonostante il balletto di cagate, passatemi
il termine d'altronde già introdotto da Marco D''Itri, dette e scritte
in tema giuridico soprattutto sulla privacy. E sì che non sono nemmeno
un giurista, figuriamoci i brividi che possono essere venuti ad un
avvocato.

Da ridere, si: Vittorio Bertola, sebbene ormai quasi del tutto
allineato, che si forza ad uscire dall'omertà del CR (ma gli altri
componenti hanno i crampi alle dita?) memore forse del tempo in cui
stava da questa parte, ossia quella degli "attoniti".

Una semplice domanda: e se io *volessi* pubblicare la mia mail
attraverso il whois dei domini che possiedo?
Chi siete voi per proteggere la mia privacy senza il mio consenso?

Mi ricorda molto la politica dei filtri antispam obbligatori (Marco
D'Itri ne sa qualcosa) che qualche provider aveva impropriamente
attivato senza consenso altrui: e se io volessi che i miei dati che il
registro già possiede continuassero ad essere disponibili attraverso la
porta 43? Chi è il Registro per stabilire cos'è meglio per me in qualità
di registrant? Dovrebbe semmai accogliere la mia eventuale richiesta di
non pubblicazione. Opt-in, non opt-out. Oppure far si che i miei dati
vangano cancellati e dunque non disponibili a nessuno.

Questo è democratico, l'atro è un abuso e non barrichiamoci dietro lo
scopo "a fin di bene": la democrazia implica la scelta diretta, il
totalitarismo implica la scelta dei vertici per conto altrui, come in
questo caso.

Come al solito la giustificazione è : l'hanno fatto tutti, si fa anche
noi. Va bene così, appecoroniamoci...  peccato che ci sia sempre la
scelta tra le cose in cui dobbiamo allinearci e quelle in cui dobbiamo
distinguerci. Senza tenere conto che magari - la butto lì, eh  - altri
paesi con altri ccTld hanno anche altre leggi sulla privacy, altri
sistemi giuridici, altre tradizioni.

Nonostante l'ansia di proteggere la privacy altrui, il Registro nemmeno
informa gli assegnatari dei domini chi è la persona fisica incaricata
del trattamento dei dati sensibili, dove sono conservati ed a chi è
possibile richiedere la cancellazione.

Ma il Registro va a spanne, chiede al garante, tutto pur di non dover
"iniziare" un membro in più in un CR che assomiglia sempre di più al
priorato di Sion.

Quando anche Bertola finirà di allinearsi, dovremo aspettare i
comunicati ufficiali, pubblicati (scientemente) con mesi di ritardo.
Oppure le mail di Martinelli, che annuncia quasi scandalizzato che se
noi non leggiamo focus.it non ci si può lamentare.
E che è, la Gazzetta Ufficiale?

Sono perplesso, eccome.

Lapo Sergi



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe