il nuovo whois: bella *****

Alessandro Nosenzo ita-pe a NOSENZO.IT
Mar 15 Mar 2005 13:15:17 CET


Un breve intervento per associarmi al coro di proteste (anche se non ne condivido la forma usata
con certe parole che sono irrispettose delle persone che comunque ci hanno lavorato).
La questione della privacy e' posta in Italia in modo semplicemente ridicolo. I dati quali email,
indirizzo ecc. non sono dati sensibili e come tali possono essere liberamente pubblicati.
Se attingendo da tali dati qualcuno commette un illecito, che in Italia non e' punito, non si puo'
privare della pubblicita' i dati solo perche' ci sono dei criminali che li utilizzano in modo illecito e ci
sono autorita' che se ne fregano del problema perche' concentrate a curare gli interessi di ricche
multinazionali.
Seguendo l'idea del registro italiano, poiche' ci sono molti furti di auto Ferrari in Italia sarebbe
logico vietarne la vendita e l'uso in modo da impedirne i furti.
Detto questo non posso che condividere le condiderazioni del Prof. Fogliani al riguardo ed il
rammarico che vengano prese delle decisioni senza avere verificato la correttezza
dell'impostazione sotto tutti i punti di vista.
In ultimo auspico che da questa discussione possa giungere un rapido miglioramento e che non
sia la solita lamentela inascoltata.
Saluti.

Alessandro Nosenzo

On 15 Mar 2005 at 12:20, Marco d'Itri wrote:
> On Mar 14, Vittorio Bertola <vb a BERTOLA.EU.ORG> wrote:
>
> > Il giorno lun, 14-03-2005 alle 14:09 +0100, Marco d'Itri ha scritto:
> > > > Posso capirlo, ma il sistema č tarato sul registrant medio... la
> > > > figura del maintainer esiste proprio per gestire i problemi
> > > > tecnici dei domini garantendo un livello minimo di competenza,
> > > > altrimenti avremmo potuto
> > > I maintainer esistono per semplificare il lavoro del registro, non
> > > come interfaccia tra i propri clienti e il resto del mondo.
> > Dipende da come vedi il ruolo del maintainer... se uno (come spesso
> > accade a privati o piccole aziende) ti vende insieme dominio, sito,
> > posta elettronica e connettivitā, diventa il tuo consulente di fatto
> Il fatto che le figure coincidano non implica che questo sia parte del
> ruolo del maintainer. Non č una questione di opinioni.
>
> > Non riporto tutto, il punto č che del registrant (individuo) vengono
> > riportati solo nome e indirizzo fisico, mentre del tech-c
> > (maintainer) vengono riportate anche mail, numeri di telefono
> > eccetera.
> Appunto. Di nuovo, nulla a che fare con la situazione italiana.
>
> > La mia considerazione iniziale era soltanto che noi eravamo pių o
> > meno gli unici ad essere rimasti alla situazione pre-1996. Gli altri
> > hanno
> E mi pare di averla adeguatamente smentita, visto che come
> controesempio sei riuscito a trovare 2 TLD su 21 in cui una piccola
> parte delle informazioni č tenuta riservata (di nuovo, una situazione
> diversa da quella italiana, che non ha senso nč tecnico nč giuridico).



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe