R: bozza manifesto 0.0

Pierfranco Bini bini a DSMLAB.IT
Lun 2 Maggio 2005 15:25:27 CEST


> "ITA-PE, nascie nel 1994 con lo scopo di discutere di posta
> eletronica in Italia,
> dalla collaborazione tra il gruppo di lavoro accademico GARR-PE e
> i neo nati
> ISP Italiani (I.NET, IT.NET ecc. ecc. completare la lista dei primi).
> Nel 1997 in accordo la registratoion authority del ccTLD .it
> viene formalizzata
> la competenza di ITA-PE nella definizione delle regole di
> registrazione dei nomi
> a dominio nel ccTLD stesso.
> A tail fine ITA-PE si trasforma in un associazione chiamata
> Naming Authority.
> Questa associazione lavora dentro e con ita-pe nella definizione
> delle regole sino
> al 2003 quando la competenza passa al neonato Comitato delle Regole".
>
> Pierfranco io non ho nulla contro la storia, tantomeno contro un
> pezzo di storia
> a cui ho assistito in prima persona.
> Di principio però sono contrario a citare le "origini"
> all'interno di un manifesto o di
> uno statuto.
> Sono però convinto che sarà semplice mettere su un sito, magari
> http://cctld.it,
> una storia dettagliata, completa e condivisa di GARR-PE, ITA-PE,
> NA, ITA-PE.
> Sono altrì convinto che Ctrl-C (Giorgio al secolo) ne sarebbe un
> ottimo curatore.
>
> In ogni caso non ne farò una questione religiosa, se la
> maggioranza vorrà inserire
> un cenno sulle origini lo farò.

Marco,
non avendo esperienza nella stesura di charter o manifesti non ho problemi
ad accettare che i riferimenti storici siano da non includere nel manifesto
programmatico: per quanto mi riguarda andrebbe benissimo anche inquadrare il
paragrafo che hai scritto all'interno di un qualsiasi sito, FAQ o
quant'altro possa svolgere lo scopo.

Per me deve solo risultare chiaro in qualche modo che questa non e' una
qualsiasi mailing list che si chiama ITA-PE, ma un pezzo della storia del
.it

Ciao!

Pierfranco



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe