Contenuti

Marco Negri marco a INET.IT
Gio 5 Maggio 2005 08:37:18 CEST


  ----- Original Message ----- 
  From: Enzo Fogliani 
  To: Marco Negri 
  Cc: ITA-PE a NA.NIC.IT 
  Sent: Thursday, May 05, 2005 1:10 AM
  Subject: Re: Contenuti


  Marco, 

      Che ti piaccia o no la NA* è* Ita-pe. Lo ha deciso la lista stessa in quel lontano ottobre 1998, nell'assemblea in cui fu votato lo statuto. Statuto che anche tu con me hai contribuito a predisporre ed hai votato, essendo stato anche tu nominato nella relativa Task Force dall'assemblea del 1997. La lista Ita-pe e' nata come tu dici, ma poi si e' trasformata, dettandosi le regole contenute nello statuto. L'approvazione dello statuto e' un fatto storico che non puoi semplicemente ignorare. Lo statuto c'e' e deve essere rimosso  nelle dovute forme. Ed e' proprio quello che stiamo cercando di fare.

Sinceramente non capisco questa tua accelerazione. Una cosa e' fare
proposte, un'altra e' dire chi non e' d'accordo con quei pochi che si sono
espressi e' fuori da NA e da ITA-PE.
    Sto parlando solo di ITA-PE la NA a me non interessa e al suo interno (147 a 3) ha deciso di chiudere.
Enzo,
ovviamente quello che dici ha un fondamento ma io sto hai fatti: la NA legalmente ha, se non erroro,
poco piu' di un centianio di membri, ita-pe, a quanto pare, 240.
Io ne sono un esempio eclattante: sono "decaduto" dalla NA, non ho nessuna intenzione di richiedere
l'ammissione ma mi sento a tutti gli effetti parte di ita-pe.
Io penso, dopo i fatti degli ultimi due anni, i due gruppi debbano essere considerati disgiunti.
Penso quindi che valga il modello ITA-PE che è sempre stato:
1) Nessuna delega. (Claudio mi è sicuramente testimone storico)
2) Nessuna decadenza
3) Assemblee come momento di discussione
4) Decisioni in lista per consenso diffuso
Ed è esattamente su queste regole, ossia le regole ITA-PE pre (e post) NA che propongo
di decidere. Forse tecnicamente si dovrà attendere il secondo dopo lo scioglimento della NA
per tornare a quelle regole forse, come sostengo io, ITA-PE essendo solo un gruppo destrutturato
senza vincoli d'entrata, puo' "rattivarsi" come e quando vuole.
In ogni caso, minuto prima minuto dopo, le regole di ITA-PE non possono essere quelle della NA
specie dopo lo scioglimento.
  
Personalmente non riconosco alla prossima assemblea nessuna voce in capitolo sul "gruppo ITA-PE".
  Personalmente potresti anche non riconoscere la Repubblica italiana e ritenere ancora vigente la Monarchia. Ma di fatto su Ita-pe puo' legittimamente decidere solo l'Assemblea della NA e non tu.
Enzo,
Concordo con te.
Proprio per questo ti pongo alcune domande alle quali so che avrò una risposta onesta e tecnicamente ineccepibile:
1) Se la NA deciderà di sciogliersi lo statuto avrà ancora validità ?
2) Il "gruppo ITA-PE" esiste anche prima e dopo la NA ?
3) Io sono o non sono parte del "gruppo ITA-PE" e non della NA ?
4) Posso chiedere agli altri membri una libera accettazione di un manifesto al fine di verificare, con le regole di ITA-PE,
se esiste un consenso diffuso dietro un'idea ?

  Pero' non puoi certo pensare che tutti i membri di Ita-pe lascino anche loro le loro usuali occupazioni e si dedichino a  tempo pieno alla lista come puoi fare tu.... 
Ci deve essere un malinteso Enzo. Prima non avevo nemmeno un secondo al mese da dedicarci, adesso riesco a trovare una
manciata di minuti al giorno. Sono al computer (come molti di noi) e lavoro. Faccio un lavoro che pretende uno stacco
di qualche minuto ogni due ore. Dedico queste piccole pause ad ITA-PE anzichè ad altro.


    Semplicissimo e d'accordissimo. E sono pronto a collaborare in una sana discussione e in un serio lavoro come ai vecchi tempi, in cui con questo spirito abbiamo creato quelle regole di naming il cui nocciolo resiste ancora dopo 7 anni (per internet, un'eternita'!!). 

Condivido l'orgoglio che esprimi in merito al lavoro fatto.


    Ma andiamo con calma e nella legalità. Non ci costa praticamente niente, ma puo' toglierci parecchi problemi dopo. 

    Lavoriamo sui contenuti; una volta predisposti quelli, fare una o due assemblee rapide per implementarli nella piena legittimita' non ci costera' nulla e sara' la cosa piu' facile di questo mondo.

Ovvio che il mio dissenso non è sul fare le cose con legalità o meno. Non credo di aver violato, in vita mia, nessuna legge
ad eccezzione dei limiti di velocità (nessuno è perfetto).
Il mio dissenso è sull'interpretazione della legalità. Aspetto le risposte alle domande che ho posto sopra per capire
se la mia interpretazione abbia un fondamento giuridico o meno.


    Ciao,

    Enzo.

Anche per me è un piacere essere tornato a discutere con te e tanti altri amici.
Ciao
    Marco




-- 
--------------------------> <-------------------------
Avv. prof. Enzo Fogliani, via Prisciano 42, 00136 Roma
Tel.: +39-06-35346935; Fax: +39-06-35453501
http://www.fog.it/enzo  - E-Mail: fog a fog.it
-------------- parte successiva --------------
Un allegato HTML è stato rimosso...
URL: <http://listsrv.nic.it/pipermail/ita-pe/attachments/20050505/ce1ab56c/attachment.html>


Maggiori informazioni sulla lista ita-pe