manifesto 0.3

maurizio codogno puntomaupunto a TIN.IT
Mar 10 Maggio 2005 11:30:54 CEST


Per chi temesse di essersi perso qualche pezzo, mi affretto a
spiegare che la mia riscrittura del manifesto non era stata resa
pubblica, perché avevo aggiunto delle cose su cui volevo discutere.
Immagino che lo stesso sia capitato per la risposta di Enzo a Marco.

Non c'è comunque nulla di segreto nel mio testo, che sta a
http://xmau.com/NA/manifesto-0.3.html . Le aggiunte mie rispetto
alla bozza di Marco sono in giallo, quelle che sto facendo adesso
in verde.

Nel merito dei commenti (pubblici e privati di Marco):

>30 voti sono sufficenti a dichiarare valida una votazione, ma se la lista
>avesse meno di 90 iscritti
>ne basterebbero meno (ossia il 30%).

Ah, l'avevo letta rovescia. Ho modificato il testo in conseguenza.

[coordinatori]
>>E se i due coordinatori non sono d'accordo?

I compiti dei coordinatori - almeno quelli indicati per il momento -
sono puramente tecnici: se non sono d'accordo, basta che uno faccia
le cose.

Quello che sicuramente manca è definire come il gruppo possa
chiedere una votazione di sfiducia per il coordinatore (quanta
gente ci vuole per indire la votazione? sempre il 30% oppure meno?
al momento ho scritto 20% per mettere un valore) e definire
entro quanto tempo una votazione deve essere indetta.

La diarchia, nella mia visione, dovrebbe servire ad avere sempre
qualcuno in carica. È vero che in un certo senso ci sarebbe il senior
e lo junior, ma come scrivevo sopra non mi pare ci sia qualcosa
di fondamentale. La non rieleggibilità immediata serve per avere
un certo qual ricambio.


>>Ma nel manifesto non sono previste decadenze!

io ho specificato "per dimissioni o revoca": forse si può a questo
punto togliere direttamente "decadenza".

>>>Nomina e revoca dei coordinatori avviene per votazione qualificata.
>>E chi controlla la votazione? i coordinatori di cui si chiede la revoca?
>>forse bisogna pensare ad un meccanismo migliore....
>Questione interessante. Proposte ?

vedi sopra. Premesso che la votazione sarebbe comunque pubblica,
idee fattibili sono benvenute.


>>E nei 10 giorni in cui pende la possibilità di veto che succede?
>Propongo "membro non votante"

non è il default?

>>E l'espressione di pareri cme avviene?
>Di volta in volta il gruppo decide se delegare ad un WG la questione o
affrontarla
>tutti insieme ?

anch'io pensavo a una votazione, visto che i coordinatori non hanno
questo potere :-)

Nella mia bozza ci sono anche due punti per evitare il deadlock su
cui Marco era dubbioso: il passaggio a votazione semplice in caso
di impasse sull'elezione e la cancellazione di chi non vota mai
(anche astenendosi). Ammetto che su questo secondo punto credo che
comunque ci voglia un modo per eliminare i menefreghisti, ma - come
del resto tutte le altre mie aggiunte - non sto pretendendo di avere
la verità rilevata, ma solo di dare un punto di partenza :-)

ciao, .mau.



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe