manifesto 0.3

enzoviscuso@cheapnet.it enzoviscuso a CHEAPNET.IT
Mer 11 Maggio 2005 16:45:34 CEST


Scusate, ma stiamo parlando di un partito politico
oppure di una assise tecnica?

Io direi di rifarsi alle "primordiali" tradizioni di Internet
e, nelle discussioni, di utilizzare le solite regole
del rough consensus, etc.

La maggioranza vuole che si tratti di una ML,
ma qui si sta discutendo di una Associazione.

Lo scopo di ITA-PE, a mio modo di vedere, sara'
quello di fare proposte nell'ambito di possibili
miglioramenti del'immagine e della gestione del .it
e dell'Internet Italiana: una sorta di
"super-gruppo di lavoro" (e  nulla vietera', se necessario,
di formare dei gruppi di lavoro piu' mspecializzati).

Nell'RFC-2026 si trovano le regole su cui da anni
si basa, con successo, IETF (anche w3g ed altri vanno bene cosi'):

  http://www.ietf.org/rfc/rfc2026.txt

Se occorre "ripartire da tre" e riceare una autorevolezza,
occorre farlo col piede giusto e tutti assieme.

v.v.



maurizio codogno wrote:

>Ho messo in linea la versione 0.4,
>http://xmau.com/NA/manifesto-0.4.html .
>Un po' di commenti vari:
>
>Enzo:
>
>
>
>>"Organo ufficiale" e' una dizione priva di significato e giuridicamente
>>fuorviante. Che significa ufficiale? Perche' organo? Ita-pe e' la lista
>>stessa.
>>Meglio forse indicare semplicemente che i membri del gruppo
>>interagiscono fra loro ed esprimono le loro opinioni attraverso la lista.
>>
>>
>
>ita-pe non è *esattamente* la lista stessa, perché uno può essere
>iscritto alla lista ma non poter votare. Capisco comunque l'idea.
>
>[votazioni]
>
>
>>Mi sembra piu' giusto predisporre:
>>- a) un quorum determinato in base ad una percentuale degli iscritti,
>>anche bassa;
>>- b) un dispositivo che escluda dalla lista i disinteressati in base
>>alle votazioni in lista;
>>
>>
>
>ci sono anche le giuste osservazioni di Emilio sul fatto che il 30%
>potrebbe essere troppo per certe votazioni, e le controdeduzioni di
>Marco. Non so esattamente che cosa fare: se devo essere sincero, per
>come la vedo io le "votazioni vere" dovrebbero essere molto poche,
>tipo l'elezione del coordinatore o di eventuali rappresentanti, mentre
>al più ci potranno essere vari "voti informali" (straw poll
>all'inglese) che non metterei nemmeno nel manifesto, o al massimo
>specificherei che si possono fare senza entrare nei dettagli.
>
>Per l'uscita automatica dalla lista avevo scritto qualcosa,
>ma mi pare che non ci sia un consenso: lo lascio ancora come
>"testo su cui parlare".
>
>Coordinatori:
>va bene, ho capito :-)
>Coordinatore più vice che coordina solo quando il "capo" non può.
>Si vota il ticket, durata un anno, non rieleggibilità immediata
>del coordinatore (nemmeno come vice ;-)
>Perché non voglio la rieleggibilità immediata? perché non mi piacciono
>i posti a vita, per quello che poi dovrebbe essere un incarico
>"leggero" (almeno nelle mie intenzioni)
>
>
>
>>Inoltre il coordinatore viene eletto, non nominato.
>>
>>
>
>good point! ho riformulato l'articolo.
>
>
>
>>---------------------------------------
>>"/Chiunque può iscriversi alla lista, dichiarando di accettare questo
>>manifesto e dichiarando le motivazioni dell'iscrizione stessa/. "
>>---------------------------------------
>>Chiedere la motivazione dell'iscrizione e' inutile. Non puo' che essere
>>quella indicata nel manifesto!
>>
>>
>
>mah, si potrebbe comunque chiedere una presentazione o qualcosa
>del genere. Fa molto mailing list, lo so, ma credo sia utile.
>
>
>
>>Dire "modo motivato" non basta. Bisogna anche indicare per quali motivi
>>si puo' essere espulsi dalla lista.
>>
>>
>
>così ad occhio la gente da togliere dalla lista sono i "morti viventi"
>e i troll. Per i primi si può pensare a un altro sistema di pulizia,
>per i secondi si potrebbe scrivere "rendono difficili le discussioni
>nella lista" ma scritto così mi metto già a ridere da solo. Ci sono
>suggerimenti?
>
>
>
>>Non mi e' chiaro il motivo di questa complicata gerarchia. se tutti
>>possono scrivere alla lista, perche' deve esistere una categoria
>>intermedia di sicritti che non fanno parte del gruppo (a parte quelli
>>iscritti nella pendenza dei 10 giorni dall'iscrizione)?
>>
>>
>
>l'idea è che c'è chi vuole semplicemente vedere cosa capita in lista
>e chi è iscritto a pieno titolo, un po' come capita adesso.
>Altre formulazioni sono benvenute.
>
>Frecciata finale per Giorgio. Una mailing list e basta fa tante
>belle cose, ma non elegge rappresentanti da nessuna parte. A me
>del rappresentante in CR interessa una cippa, ad altri magari sì :-)
>
>ciao, .mau.
>
>
>
>
>



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe