cyber squatting certo per i domini EU scaduti/rifiutati

maurizio codogno puntomaupunto a TIN.IT
Gio 6 Apr 2006 15:37:26 CEST


Raimondo:

> Si parla di registrazione su cancellazioni!

L'unico modo per impedire le "registrazioni su cancellazioni" è
non indicare quando un dominio scade, ma questa è una cosa generale.

 >>- l'unica miglioria che io avrei fatto alla procedura è inventare per
 >>questi nomi una lotteria: tra le richieste pervenute (e pagate :-) )
 >>negli X giorni a partire dalla data di messa in circolo al mondo in
 >>genere se ne sorteggia una.

>Non mi piace: partecipi con dei prestanome e aumenti le tue probabilità.
>vuol dire trasformare il sunrise in un'ulteriore selvaggia fase di
>accaparramento.

Beh, non pensavo al sunrise (dove comunque devi avere dei titoli, quindi
ad ogni modo più di tanti prestanome non puoi avere) ma al land rush.

Alessandro:

> Maurizio (intanto ciao!), per esperienza diretta ti posso dire che su
> aspetti altamente formali e poco sostanziali sono molto pignoli e hanno
> causato non pochi disagi a soggetti del tutto in buona fede e a mio
> parere anche in regola.

domanda eminentemente pratica: si hanno dei numeri a disposizione?
(richieste fatte durante il sunrise, richieste accettate e rifiutate, intendo)
Almeno potrei parlare con cognizione di causa!

>  >- se questi sono nomi "interessanti" per uno squatter, se n'è già
>  >accorto comunque, e se non gli si dice quando il nome torna libero lui
>  >continuerà tutti i giorni a fare una richiesta di registrazione.
>
> Certo. Ma cosa significa, che visto che non si può estirpare il fenomeno
> bisogna agevolarlo? Perché quindi pubblicare le liste? Secondo me i
> domini devono tornare liberi una volta scaduti i 40 giorni previsti
> dalle regole, né più ne meno: non si capisce davvero perché aspettare
> generando ulteriori confusioni.

Ma adesso si sa il giorno in cui è stata fatta una richiesta? Se sì,
tutta questa discussione è accademica perché si può comunque
contare fino a 40.

> Aggiungi a tutto questo che in Italia c'è un'aggravante:
> l'irresponsabile comportamento dell'Ufficio Marchi e Brevetti che ha
> arbitrariamente e silenziosamente deciso di disattendere una propria
> circolare.

Cioè? non ha mandato la documentazione riguardante i marchi
già registrati, che sarebbe servita per la registrazione?

ciao, .mau.



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe