esegesi del verbale CR #20

Daniele Vannozzi Daniele.Vannozzi a IIT.CNR.IT
Mer 7 Giu 2006 11:52:21 CEST


Marco d'Itri ha scritto:

Marco,
premetto che la mia risposta e' a titolo personale e non rappresenta in
nessun modo il punto di vista del mio datore di lavoro (IIT CNR e Registro).
Faccio una premessa generale prima di passare ai punti specifici della
tua mail. Sinceramente faccio fatica ogni volta a capire il livore che
c'e' nelle tue mail verso il Registro e verso chi la pensa in maniera
diversa dalla tua. Non ho mai visto una tua mail che contenga una frase
del tipo "sono concorde" o "apprezzo" o almeno che sia nello spirito di
quanto afferma Tonino Guerra in una nota pubblicita'....
Costruire poi su queste basi un produttivo confronto su argomenti seri
ed importanti e' un attimino piu' difficile.
Poi credo che vada correttamente inquadrata l'attivita' della CR che non
mi pare sia una "loggia segreta".
C'e' un suo regolamento pubblico che ne definisce scopi, funzioni e
modalita' di funzionamento, vi sono rappresentate le principali
componenti della LIC per permettere ad ognuna di poter portare
il proprio contributo ed il proprio punto di vista, certamente
avra' anche dei difetti ma non e' corretto ogni volta rappresentarla
come un luogo in cui persone venute da un altro pianeta legiferano
su problemi della terra in cui vivono persone come te.
Donato, Francesco, Gianluca, Joy, Enzo vivono sulla terra come te e
non mi pare siano inavvicinabili e sfuggano ad un confronto di idee.
La CR ha dei momenti decisionali che sono diversi da quelli in uso
in precedenza (assemblea NA per capirci) e quindi non si puo' pensare
ancora a quel modello di funzionamento per giudicare il lavoro della
CR stessa.
Inoltre tante risposte alle domande che poni sono state gia' fornite Joy
e da Gregori nelle loro presentazioni lo scorso novembre all'incontro
MNT-Registro.

> http://www.nic.it/RA/CR/verbali/Verbale-CR-30-03-2006.pdf
> (Pubblicato dopo due mesi.)
>

Nella CR, come in altre realta', i verbali si pubblicano dopo che sono
stati approvati, magari alla riunione successiva, per questo c'e'
un ritardo tra la riunione a cui si riferiscono e la loro pubblicazione.

> L'action 19.4 è "Maurizio Martinelli e Daniele Vannozzi predisporre una
> breve relazione sulla fattibilità dell'implementazione dei ""RR *" a
> fini promozionali", risolta con "Fatto, distribuita nei giorni scorsi in
> lista.".
> Non si capisce cosa sia, ma l'unica cosa che mi viene in mente è la
> porcheria tentata da Verisign con .com e quindi sono un po' preoccupato.
> Chi sa, parli.

La discussione e' partita alcune riunioni prima e ne trovi cenno anche
nei verbali precedenti della CR. Non credo che a nessuno sia mai passato
per la mente di ripetere l'esperienza negativa di Verisign.

>
> UDRP: si sta cambiando qualcosa, ma cosa e perché?

Se verrai' come MNT all'incontro del prossimo 16 giugno avrai tutte
le informazioni su cosa e perche'. Lo spirito con cui si e' mossa la
CR e' di assicurare un funzionamento migliore e piu' incisivo
all'intero impianto delle UDRP definendo meglio ruoli, funzioni e
compiti dei vari soggetti che entrano in gioco nelle UDRP.

>
> Regolamento di registrazione: si sta cambiando qualcosa, ma cosa e
> perché? Pare che ci saranno novità sostanziali in come i maintainer
> interagiranno con il Registro.

Vedi punto precedente, vi sono certamente delle novita' che verranno, in
prima istanza, pubblicate e rese note il 16 giugno e poi divulgate a
tutti i MNT.

>
> Registrazione sincrona: vanno avanti i lavori, come al solito senza che
> sia spiegato nulla. Comunque, ma il nodo sarà capire quanti registrar
> il Registro vorrà accreditare: 10, 100, 1000?

Sinceramente mi pare un po' come partire dalla coda del problema e non
dalla testa, non credo che sia un problema il numero dei registar il
cuore e lo snodo del problema.
I lavori ad oggi comunque sono ancora in fase preliminare e niente e'
stato ancora definito in maniera organica su come e con quali regole
funzionera' il sincrono.

>
> Dismissione del name server di RIPE: il Registro la ritiene una "voce"
> su cui non ha nessuna informazione in merito, ma se ne è parlato a lungo
> nei mesi passati sul working group relativo e da marzo c'è anche un
> avviso sul sito: http://www.ripe.net/news/review-secondary-dns.html .
> Escludo che .it ricada nella categoria "piccoli ccTLD che non possono
> permettersi l'hosting", quindi rimane da capire quando e secondo quali
> criteri il Registro sostituirà questo name server.

Mi pare che questo sia un problema del Registro al quale sta lavorando
e non appena saranno conclusi e perfezionati certi accordi ne dara'
comunicazione. In ogni caso credo che non sia materia di pertinenza dei
MNT decidere come debba essere erogato il servizio di dns.
Capisco il tuo desiderio di essere informato su tutto ma .... lo
troveresti giusto che io venga a domandarti come il MNT per il
quale lavori gestisce il dns e su quali basi e criteri e magari
pretendere una certa azione?

>
> Cache promiscue: il Registro non ha ritenuto opportuno inviare un
> annuncio ai maintainer, forse pensando che avrebbe potuto fare passare
> in secondo piano importanti comunicazioni come quelle sulla newsletter
> "focus .it" o sulla mezza giornata di ferie in memoria del direttore.

A certe affermazioni preferisco non rispondere perche' a mio avviso di
cattivo gusto e pretestuose.

> Si sono offerti di aggiungere una voce alla sezione "news" del sito,
> ma dopo oltre due mesi dalla riunione non c'è ancora.
> È anche stato previsto che se ne parli ai futuri corsi, ma ho
> l'impressione che siano frequentati da una piccolissima parte dei
> maintainer, e temo non da quelli che ne avrebbero più bisogno.
> Nel frattempo il problema è ritenuto sufficientemente grave che le
> impostazioni predefinite di BIND 9.4 sono state cambiate. Chi non ne
> fosse convinto può guardare le presentazioni fatte al workshop di OARCI
> la settimana scorsa e farsi un'idea propria:
> http://public.oarci.net/dns-operations/workshop-2006 .
> La mia posizione è che sia opportuno inserire un warning nella procedura
> di verifica della configurazione del DNS.
>
> Obbligo di creare sottozone per ogni sottodominio che compaia in un
> record NS: si ribadisce di mantenere questa regola segreta ma inutile e
> dannosa, ripromettendosi di documentarla in futuro (e le altre? Ne ho
> trovata almeno ancora una, si vede che sono sfortunato :-) ).
> Naturalmente non una parola su come giustificare questa cosa.
>

Per cortesia, evita di usare la tiritera di "regole segrete" ....
Donato ha rappresentato in CR il tuo punto di vista e la conclusione a
cui e' arrivata la CR  e' presente nel verbale. Posso capire che non
ti soddisfi.... ma questa e' la decisione.

> Per finire, una nota linguistica: un name server può essere "autorevole"
> ma non "autoritativo". Se la differenza non fosse chiara si può
> consultare http://www.demauroparavia.it/10796 .

Visto che molte domande troveranno una sua naturale risposta
nell'interventi che si terranno nell'incontro Registro - MNT
del 16 giugno a Pisa, perche' non partecipi?
Ti ringrazio, per il suggerimento, andro' a vedermi il link.
Buona giornata,

                Daniele Vannozzi

>
> --
> ciao,
> Marco



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe