Lar elettronica ennesima demagogia

Raimondo Bruschi raimondo a BRUSCHI.COM
Gio 22 Feb 2007 13:01:30 CET


La mia personale opinione e' che la possibilita' di inviare la LAR in
PDF via email non serva ad una beata fava.

Forse con utilita' marginale, per le code di mezzanotte, ma all'atto
pratico sia solo pura demagogia del NIC o un alibi nel momento in cui
i fax presentassero problemi. Di certo comoda per chi fa
accaparramento di domini o un invito a nozze all'MNT scorretto ad
auto-intestarsi i domini del cliente.

Ma perche' dovrei scannerizzare una LAR rendendo PDF e inviarla via
mail, o costringe gli utenti a mandarmela gia' cosi fatta.
Molto piu' comodo e meno oneroso proseguire con l'invio via fax e i
suoi problemi che si tira dietro.
Lo dice chi della ricezione digitalizzata di fax to email ne fa un
business di successo da tempo  ( http://www.faxtomail.it ) e
dell'invio di pdf da email to fax ( http://www.sendfax.it )

A quanto mi risulta lato registro, e' un accrocchio che riceve le
mail dando riscontro non impegnativo e invia un fax al vecchio
sistema. NON ELIMINA LE RISPOSTE DEL NIC E NON AUTOMATIZZA IL
PROCESSO per rendere registrabile in minor tempo o in tempo reale i
dominio .it , che e' il vero oggetto del contendere.

Ribadisco come in una lunga email gia' inviata in lista
MNTtoMNT a nic.it e discussioni varie, quando me lo chiesero, ho sempre
sostenuto che LAR e c. (supporto cartaceo prodotto dall'utente
finale) doveva essere mantenuta per i vantaggi di carattere
civilistico e di cambio provider che implicitamente presenta. Rita
Rossi non demordere !

La LAR poteva essere conservata dall' MNT che ricevuta o raccolta dal
cliente (cartacea), la riproducesse in formato elettronica e la
firmasse (siglasse) in firma digitale (l'MNT la firma in digitale,
non il cliente che la firma sempre con la penna) e inviasse via email
al nic.it . Rendendo cosi l'MNT autoresponsabile della corretta
compilazione LAR da parte del cliente e nei confronti del NIC, e
ottenendo implicitamente una copia elettronica presso il nic.it, di
cui si poteva random verificarne l'esattezza (con penality per gli
MNT a cui venivano rilevati errori di compilazione) e/o la garanzia
di riproduzione certa futura in caso di chiusura dell'attivita'
dell'MNT che registro' il dominio. A questo punto inviando il modulo
elettronico insieme alla LAR elettronica con firma digitale dell'MNT,
il dominio era registrato immediatamente, senza dover passare a
categorizzare gli operatori in Registrar o MNT per poterlo fare !!
Con la porta aperta all'uso futuro di EPP se la soluzione non desse
riscontri positivi..
Tre giorni di possibile disassegnazione (il dominio subito
registrato) da parte del nic .it per verifiche semantiche dei nomi a
dominio o altri casini rilevati. STOP

Questo sistema ritenevo potesse esser gradito e gestibile dai piccoli
operatori, che dagli operatori di volume o on line, eliminando tutte
le discussioni e casini che sussistono circa la LAR/fax attuale e
nuove demagogie . Garantendo da subito il passaggio ad un fase di
registrazione in tempo reale, senza nuovi investimenti o
infrastuttura dedicate all'EPP, gettando il fax del nic. Tutelando il
nic.it stesso nei tre giorni di disassegnazione o blocco riferimenti
DNS nei casi oggi di blocco preventivo. Contenendo l'uso di personale
di verifica dellle LAR ricevute.

Per inciso il suggerimento fu cassato da un soggetto esterno, ma
consulente importante del registro, perche' non garantisce la
possibilita' di registrare un dominio a chiunque , mentre il fax si.
Paradosso palese futuro quando ci saranno i registrar e si usera'
l'EPP, quando il nic non potra' piu' porre veto di registrazione preventiva.

Ma a che gioco si sta giocando sul tavolo della CR e dintorni ?
Ribadisco controcorrente che la Lar deve esistere ma diventare
davvero elettronica, nell'uso al fine di registrare in tempo reale.
Altre menate sono solo l'alibi di altre strategie, non nascondiamoci
dietro un formato fax.

Ps. Con i miei sinceri complimenti a Martinelli, che ha trovato modo
di girare l'angolo. Altro modo dal suo punto di gestione non poteva
fare. Nel senso che  davvero la soluzione dell'accrocchio emailtofax
interno trovata e' geniale, sono certo che da parte sua sia stato il
suo onesto contributo al problema fax occupato. Purtroppo ottima
strumentalizzazione per i giullari e gli interessati di corte
collegati. Compresi genericamente nostri colleghi che in questa
soluzione possono e vedono mantenere la tutela del futuro asset del
contratto NIC to operatori = registrar , a morte gli MNT.


Distinti Saluti
--
Servizi Internet Srl - IT Company SINCE 1996
Headquarters: Via Cipro 114 - 25124 Brescia BS ITALY
Other countries: F - D - UK - ES - PL - RO
Postal Box  601 Office 18 - 24125 Brescia BS Italy
P.iva/VAT: 03488920178

Maintainer per i domini IT come REGDOM-MNT ed AS-16257
Consorziato assodom.info accreditato EURID per i domini .EU

Brand: ancara.net, eudom.eu, faxtomail.it, formail.it,
keyla.it, mail2nd.it, quasigratis.it, regdom.it,
registrailtuomarchio.it, sendfax.it, viruspam.it, webftp .it

N.Tel. +39/030/6.591.5xx     xx = 06/admin 07/sales 08/tech
Direct 030/6.591.591 int.901 Cell.335.5282887 Fax 030.51031197

cercami/search come/as  raimondo a bruschi.com in
Skype.com o/or Msn.com o/or Yahoo.it or ICQ 17858453



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe